Home Diocesi Giovedì 2 Dicembre 2021
Versione Accessibile - solo Testo Mappa del sito Contatti
Centro Missionario Diocesano
Via Ferrari Bonini, 3 - 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522/436840 Fax. 0522/433991 E-Mail missioni(@)cmdre.it
» Centro Missionario Diocesano »  Posta dalle Missioni »  Lettera di Andrea e Martina dal Madagascar
Lettera di Andrea e Martina dal Madagascar






Carissimi amici Innanzitutto scusate se fino ad ora ci siamo fatti sentire poco ma, come potete immaginare, comunicare è un pò più difficile che a casa e sopratutto, a 15 giorni dal nostro arrivo,  siamo ancora completamente sommersi da questa  nuova realtà. Anche se fisicamente non facciamo molto si arrivao a sera stanchi una stanchezza fatta di volti, nomi, colori, odori,puzze,suoni... nuovi che bisogno conoscere,accogliere e capire e non è sempre facile. Anche solo andare "in centro" a lezione di malgascio è una mezza avventura: si deve prendere un pulmino di linea (più o meno moderno), pressati insieme ad altre 20\25 persone e per fare 12 km ci mettiamo un tempo che va dai 45 minuti all'ora e mezzo.Già il fatto che due vahaza, così vengono chiamati i bianchi, prenda il "taxi be" è qualcosa di non proprio ordinario e suscita i più svariati commenti. Anche questo fa parte dell'essere partiti, la tua presenza suscita comunque e sempre dei commenti e degli interrogativi e questo non ci sembra per niente un male anzi, quando la lingua ce lo permetterà potrebbe diventare un buon volano per "attaccare bottone", per raccontarsi, per incontrare le persone,per testimoniare Gesù. Per ora purtroppo riusciamo a comunicare molto poco, a volte ci vuole molta pazienza a stare zitti altre volte, la maggior parte qualcouno ti parla e tu vorresti davvero riuscire ad "incontrarlo" ma sei costretto a rimanere in silenzio. Comunque ci stiamo impegnando parecchio e speriamo che nei mesi qualche frutto arrivi, ci consola e ci da speranza aver visto che Lucia dopo 3 mesi cominica a cavarsela bene con il malgascio. Aver rincontrato Lucia qui è stato molto emozionante e ancora di più poter condividere con lei emozioni e paure. La realtà del quartiere di Tongarivo e della capitale in generale (dove abiteremo fino alla fine di questo mese) non è facile da affrontare: da un lato c'è la miseria, quella vera di chi non ha davvero nulla mentre dall'altro c'è una ricchezza che lascia senza parole; sulle stesse strade si incrociano le strorie più diverse. Questo ci mette veramente in crisi e ci interroga su come si possa accettare questo, come si possa convivere, restare indifferenti di fronte a questa realtà.Dall'altra parte però sono molte le cose che colpiscono: la grande umanità di queste persone, la capacità di fermarsi a salutare chi non si conosce, la profonda spiritulaità che anima questo popolo...   Tutto ciò ci fa anche pensare a casa, a come ci relazione con le cose, con i soldi e con le persone e davvero ci viene da dire che la sobrietà dorebbe caratterizzare le nostre scelte, non solo per senso morale e senso di giustizia ma anche perchè davvero potremmo anche noi riscoprire valori che abbiamo dimenticato in mezzo al nostro benessere.Vi pensiamo molto e vi siamo vicini nella preghiera e nell'affetto a presto!
 
Andrea e Martina
Centro Missionario Lettere