Home Diocesi Martedì 18 Gennaio 2022
Versione Accessibile - solo Testo Mappa del sito Contatti
Centro Missionario Diocesano
Via Ferrari Bonini, 3 - 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522/436840 Fax. 0522/433991 E-Mail missioni(@)cmdre.it
» Centro Missionario Diocesano »  Posta dalle Missioni »  Lettera di Aprile di Don Paolo Cattari
Lettera di Aprile di Don Paolo Cattari











Cari amici,
 
come di consueto nei primi giorni del mese mi trovo a Fianarantsoa per l)incontro mensile di tutti i preti presenti in diocesi.
La salita, in macchina con il parroco di Ampasimanjeva, Joseph Ignace ci ha dato la possibilità di parlare con un po' di calma e aggiornarci sulle prossime attività che si svolgeranno ad Ampasimanjeva, soprattutto quelle legate alla domenica delle palme. Infatti i giovani del distretto sono invitati a partecipare ad un momento di incontro che sarà anche l'occasione per piantare una certa quantità di alberi, una piccola opera di rimboschimento in un territorio dove è diffusissima la pratica di bruciare prati e boschi per "guadagnare" terreno per il poscolo. Al di là del numero di nuovi alberi piantati, è importante il messaggio educativo che si trasemette ai giovani: gli alberi sono un bene prezioso per la nostra vita quotidiana. Parallelamente a questa attività organizzata dal distretto, io ho in programma alcune tourneé cinematografiche in alcuni villaggi dove, accompagnato dalle suore che si occupano dei diversi gruppi giovanili, proiettero' alcuni DVD acquistati in Italia durante le mie recenti Vacanze.
Non ho la possibilità di allegare le foto che mi hanno fatto nelle due ultime tourneé domenicali perché il computer qui alla posta, da dove sto scrivendo, non é aggiornatissimo. sarà per la prossima occasione.
Per quanto riguarda l'ospedale, Lucia ha cominciato a lavorare in maternità lunedi' scorso. Secondo le statistiche il mese di Aprile di solito é un mese con pochi parti quindi puo' inserirsi con un po' di calma un po' soltanto, pero', perché le visite prenatali non diminuiscono affatto. Molti sono i malati ricoverati in questo periodo, bambini denutriti e/o malnutriti soprattutto, ma anche tante persone, soprattutto donne, probabilmente indebolite da una alimentazione inadeguata e scarsa. Il periodo duro non é pero' ancora finito perché sta terminando il momento del "frutto del pane" con cui i più poveri hanno sostituito parzialmente il riso negli ultimi mesi; attendendo la maturazione del riso che comincedrà alla fine di maggio, circa, adesso passeranno a fare "minestre" di banane acerbe per vincere la fame. Chi riesce a vendere le arance potrà, ogni tanto, comprare del riso verrà, necessariamente da altre regioni del Madagascr o da altri paesi, soprattutto Pakistan.
Ora vi saluto chiedendo e assiocurando il ricordo reciproco soprattutto nella preghiera, in particolare in questi ultimi giorni di quaresima.
Che il Signore risorto ci aiuti a risorgere a vita nuova, una vita dove i nostri occhi, il nostro cuore e le nostre mani sanno veder, accogliere ed aiutre gli altri.
don Paolo
Centro Missionario Lettere