Home Diocesi Martedì 18 Gennaio 2022
Versione Accessibile - solo Testo Mappa del sito Contatti
Centro Missionario Diocesano
Via Ferrari Bonini, 3 - 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522/436840 Fax. 0522/433991 E-Mail missioni(@)cmdre.it
» Centro Missionario Diocesano »  Posta dalle Missioni »  L'utopia della Pace - Lettera dal Brasile
L‘utopia della Pace - Lettera dal Brasile







L'UTOPIA DELLA PACE
 
Di fronte a quello che sta succedendo in Europa, per quel che riguarda la decisione di attacco alla Líbia di Gheddafi, noi missionari di Reggio Emilia-Guastalla, facciamo nostre le parole che ha scritto Gianmarco Marzocchini, direttore della Caritas Diocesana di Reggio Emilia, e confermiamo la nostra amarezza e delusione per come si affrontano le situazioni internazionali, soprattutto quelle che riguardano problematiche economiche. Ancora una volta chi determina la supremazia Política-economica-sociale, sono le grandi potenze, che risolvono le cose facendosi araldi della difesa degli oppressi e degli esclusi, motivando cosí la possibilitá di entrare, nei paesi ritenuti oppressori dei poveri, con le armi e la forza militare e fare la parte dei liberatori. Questa é ancora una volta la lógica dei PREPOTENTI, dei dominatori e degli sfruttatori. Crediamo che la pace e la lógica evangélica camminino su altre strade che con certezza sono piú difficili e che il piú delle volte sembrano non raggiungere la meta. Ma riteniamo, e questo é stato anche un tema approfondito nella Campagna della Fraternitá 2009, momento importante di riflessione della Chiesa Brasiliana, dove si diceva, riprendendo il profeta Isaia, che: 'la pace é frutto della giustizia' (Is.32,17), vale a dire, che la pace si raggiunge solo se si ricerca una giustizia vera,  una equitá tra le nazioni e, costruire una societá che non é basata solo sulle logiche economiche, ma sulla lógica della solidarietá e della condivisione. Vogliamo concludere questo piccolo appello con due frasi che caratterizzano il cammino della Chiesa brasiliana e il suo popolo. la prima, crediamo sia cara anche al nostro Vescovo Adriano, che lá ripresa alcune volte nella sua visita lo scorso anno qui in Brasile, che dice cosi: 'Lutar sempre, vencer talvez, desistir jamais' che tradotto vuol dire:'Lottare sempre, vicere qualche volta, desistere mai' riconoscendo che le battaglie non si vincono per la potenza, ma per la perseveranza, e un provérbio africano che un vescovo Brasiliano ha detto in occasione di un incontro nazionale sulle Comunitá Ecclesiali di Base in Porto Velho nel 2009 che dice cosi: ' Gente simples, fazendo coisas pequenas, em lugares pouco importantes, consegue mudanças extradordinárias' che tradotto vuol dire:'Persone semplici, facendo cose piccole, in lughi poco importante, riescono a fare cambiamenti straordinari'.  Continuiamo a credere che le cose possono cambiare, ma continuiamo a insistere che le cose cambiano nel momento in cui noi stessi crediamo nei cambiamenti.
Una proposta concreta potrebbe essere, sullo stile del popolo brasiliano, fare una raccolta di firme tra la gente, e in modo particolare nelle comunitá Cristiane, per manifestare apertamente e come chiesa il nostro dissenso al governo e alla Nazione.
Un abbraccio a tutti, noi missionari di Reggio Emilia-Guastalla in Brasile.
 
Centro Missionario Lettere