Home Diocesi Martedì 18 Gennaio 2022
Versione Accessibile - solo Testo Mappa del sito Contatti
Centro Missionario Diocesano
Via Ferrari Bonini, 3 - 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522/436840 Fax. 0522/433991 E-Mail missioni(@)cmdre.it
» Centro Missionario Diocesano »  Posta dalle Missioni »  Lettera dall'India
Lettera dall‘India







Mussoorie, Dehradun, Uttarakhand, North India, 21 febbraio 2011
DAL NORD AL SUD, DA BABELE ALLA PENTECOSTE
Carissimi tutti,
18 febbraio 2011, in Versova alla CdC celebriamo la messa. Alla sera parte il treno per andare a studiare hindi. La prima lettura parla della torre di Babele e della confusione delle lingue. Neanche a farlo apposta siamo in tema. E il Signore doni il suo spirito perchè le differenti lingue portino alla Pentecoste... il tempo pasquale è il tempo in cui tornerò dal nord al Sud in Kerala per l'apertura della seconda Casa della Carità in quel versante... la Carità, la nuova lingua comprensibile per tutti.
Sul treno due finestrini che non chiudono bene rendono difficile scaldare l'aria soprattutto nella notte. Uno è proprio sulla mia testa, l'altro è proprio di fronte... la corrente e il ricambio d'aria è assicurato, ma la campagna indiana è molto più fredda in questa stagione rispetto alla città di Mumbai.
I paesaggi lungo il viaggio sono spettacolari si vede uno spaccato di India, anche aiutati dal chiarore di luna piena che lascia intravvedere le paludi del Gujarat, e le ampie distese della campagna, e in pieno giorno il sole rende ancora più dure le estensioni aride e desertiche del Rajastan, senza la possibilità di vedere una sola casa fino a un'indefinito orizzonte davvero lontano... Poi inizia il verde della campagna dell'Uttar Pradesh molto simile in certi passaggi alla pianura padana, fino ad arrivare alla periferia di Delhi. Una grande stazione, caotica ma per niente particolare anzi sembra fin trascurata. Poi i paesaggi mutano ancora con l'ingresso in Uttarakhand ove si evidenzia una ampia corona di monti che via via si innalzano tutto intorno. Uno spettacolo che ricorda vagamente l'ingresso in Trentino nella grande vallata di Trento. Boschi segnati da daini e altri animali comprese scimmie. Il percorso nella vegetazione sembra passare in mezzo a zone di giungla. Poi l'arrivo a Dehradun nel nuovo stato dell'Uttarakhand (ex Uttar Pradesh). Lungo il percorso cambiano volti, vestiti, e espressioni... un insieme di colori che difficilmente si dimenticano. Dopo un viaggio di ben 40 ore di treno da Mumbai a Dehradun, dopo due notti in treno e due giorni e dopo molti tornanti in taxi, giungiamo a Landour Cantoon, in una piccola casetta privata, con un freddo polare, senza riscaldamento, ma con bagno e scaldabagno (che forse non funziona o almeno così sembra finora) ad un'altitudine di circa 2500 mt. Il buio non permetteva di vedere niente ieri sera. Mi ero ripromesso di mostrare la catena dell'Himalaya a Samolo prima che ripartisse vedremo domani pensavo tra me.
Infine stamani al risveglio, al freddo e al gelo, sbucando con la testa dalla trapunta offerta dalla casa si scorge dalla finestra lo spettacolo radioso e luminoso della catena dell'Himalaya molto lontano ma molto bello.
Qualche traccia di neve attorno alla casa e scimmie sui tetti che attendono che qualcuno offra loro qualcosa. Landour Language School è a poca distanza ma da dove siamo noi lo spettacolo è più generale. Alcune pratiche per la polizia locale e poi la scuola comincia in mezzo a un turbinio di lettere ostiche da pronunciare. Grazie a Dio affiora qualcosa di quello che gli ospiti di Shanti Niwas mi hanno insegnato in questo tempo. E così si parte.
Pregate, perchè possa diventare comprensibile a tutti la lingua della Casa della Carità e parlando Hindi, o Marathi, o Malayalam, o English, o ogni altra lingua si possa essere capiti da tutti e compresi.
Fr. Davide
Centro Missionario Lettere